Noi non dimentichiamo Pio La Torre e Rosario Di Salvo uccisi dalla mafia a Palermo il 30 aprile 1982

Erano le 9,30 del mattino di quel 30 aprile 1982 quando la mafia uccideva, in piazza Generale Turba a Palermo, l’onorevole Pio La Torre, segretario del Pci siciliano e Rosario Di Salvo, suo amico e compagno di partito che l’accompagnava in macchina nei suoi spostamenti.

Uccidono l’uomo che prima di tutti gli altri intuisce che la mafia siciliana non è un problema di ordine pubblico ma “questione nazionale”, il parlamentare che vuole una legge che segnerà per sempre la nostra storia: essere mafioso è reato.

Chiede di strappare i patrimoni ai boss, tutti lo prendono per un visionario.

Dicono che è ossessionato da mafia e mafiosi, anche nel suo partito ha fama di “rompicoglioni”.

Al presidente del Consiglio Giovanni Spadolini propone di inviare a Palermo come prefetto il generale Carlo Alberto dalla Chiesa, il carabiniere che ha sconfitto il terrorismo.

Non fa in tempo a vederlo sbarcare, l’ammazzano prima.

Informazioni su Antonio Maria Ricci

Pediatra e gastroenterologo, Clinica Pediatrica, Fondazione Policlinico San Matteo, IRCCS, Pavia. http://t.co/44m34TvVDZ
Questa voce è stata pubblicata in Varie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...