Gli additivi alimentari favoriscono lo sviluppo di obesità ed infiammazione intestinale

Gli additivi alimentari si trovano ovunque, sono utilizzati per rendere stabili e super conservabili gli alimenti ma possono scatenano importanti cambiamenti e reazioni all’interno del nostro organismo, fino a sviluppare malattie croniche. Un altro studio da poco pubblicato dal National Institute of Health ricorda questa realtà, gli additivi alimentari comuni chiamati emulsionanti sono in grado di promuovere colite (malattie infiammatorie croniche dell’intestino)  e sindrome metabolica (obesità, diabete)  nei topi modificando i microbi intestinali.

Gli additivi alimentari favoriscono lo sviluppo di obesità ed infiammazione intestinale

Perché tutto questo? Come già illustrato il tratto digestivo è la patria di 100 trilioni di batteri. Collettivamente noto come microbiota intestinale, questi batteri aiutano con il metabolismo e mantengono sano il sistema immunitario. Ogni modificazione di questa comunità microbica può causare malattie croniche. Uno spesso strato di muco separa i batteri intestinali dal rivestimento dell’intestino. Un gruppo di ricerca guidato dal dottor Andrew T. Gewirtz presso la Georgia State University si è chiesto se le sostanze chimiche che distruggono la barriera di muco potrebbero alterare la flora intestinale e svolgere un ruolo in disturbi associati con l’infiammazione, tra cui la malattia infiammatoria intestinale e la sindrome metabolica.

Tra gli additivi  gli emulsionanti alimentari sono chimicamente simili ai detergenti, essi hanno dimostrato di alterare la barriera di muco e la comunità di microbi del nostro intestino. Per determinare se questi potrebbero avere un ruolo nelle malattie croniche, il team ha nutrito topi con bassi livelli di emulsionanti comunemente utilizzati, soprattutto la carbossimetilcellulosa o polisorbato-80, in acqua potabile o nel cibo. I risultati sono apparsi nella rivista scientifica Nature il 5 marzo 2015.

I topi nutriti con gli emulsionanti per 12 settimane hanno sviluppato basso grado di infiammazione intestinale e sindrome metabolica, un insieme di condizioni che aumentano il rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache e ictus. I topi che sono stati geneticamente modificati per essere più inclini a sviluppare infiammazione hanno sviluppato colite.

Questa è un’ulteriore testimonianza di come gli additivi alimentari, soprattutto nelle persone geneticamente predisposte potrebbero favorire lo sviluppo di patologie croniche come obesità, diabete e malattie infiammatorie intestinali e di come le persone affette da queste patologie potrebbero trovare giovamento da una loro riduzione.

Pubblicato in Medicina, Ricerca scientifica | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

Al Santa Margherita il corso di 1° Livello Tecnologie Avanzate in Riabilitazione (Approcci Tecnici e Clinici)

E’ con grande onore che il 18 aprile 2015, l’ASP di Pavia ospita presso l’aula didattica dell’IDR santa Margherita il corso di 1° Livello Tecnologie Avanzate in Riabilitazione (Approcci Tecnici e Clinici).

Il corso è rivolto a fisioterapisti,  podologi,  medici di medicina generale e medici ortopedici.

Grazie ai professionisti e alle apparecchiature della nostra struttura verranno affrontati teoricamente e praticamente tutti gli aspetti della riabilitazione avanzata.

Trovi qui il programma.

Il corso è organizzato dal Sindacato Professionale Italiano Fisioterapisti e Professioni Area Riabilitativa.

Al Santa Margherita il corso di 1° Livello Tecnologie Avanzate in Riabilitazione (Approcci Tecnici e Clinici)

Pubblicato in Medicina, Pavia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Buona Pasqua a tutti

Buona Pasqua a tutti

Ho deciso di non avere cassetti.

Solo mensole.

Così i sogni li tengo a vista.

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

Il dolore addominale nel bambino

Il dolore addominale nel bambino

Il dolore addominale nel bambino

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

La mia terza tesi: ho finito il master in gastroenterologia pediatrica a Roma

In questi giorni sono a Roma per la tesi del Master che mi ha impegnato per un anno.
L’esperienza è stata estremamente interessante e utile dal punto di vista culturale e professionale.La mia terza tesi: ho finito il master in gastroenterologia pediatrica a Roma
Mi ha offerto la possibilità di approfondire le mie conoscenze nel campo della gastroenterologia pediatrica sia dal punto di vista teorico che pratico.
Mi ha permesso di conoscere una realtà diversa da quella di Pavia, con interessanti spunti organizzativi da mettere in campo.
Ho conosciuti un gruppo di professionisti guidati dal Professo Cucchiara di altissimo livello con cui continuerò a collaborare anche nei prossimi anni.
Ieri ho dato la mia terza tesi. Dopo quella di Laurea e di Specialità, la tesi del Master.

Una grande soddisfazione che mi ripaga di un impegno costato tanto studio e tanto impegno.

Un ringraziamento va alla prof.ssa Laura Stronati sotto la cui supervisione ho costruito la tesi. Un grandissimo ringraziamento va al mio amico e capo, professor Gianluigi Marseglia, che mi ha invitato e consigliato di partecipare al Master.
Ultima considerazione: Roma è una città stupenda.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI “LA SAPIENZA” DI ROMA
FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA
MASTER UNIVERSITARIO DI II° LIVELLO IN
“GASTROENTEROLOGIA, EPATOLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA PEDIATRICA”
Direttore: Prof. Salvatore Cucchiara
Titolod della tesi sperimentale: “La funzionalità della barriera epiteliale nelle malattie infiammatorie croniche intestinali”.

Pubblicato in Infanzia, Medicina, Pavia, Pediatria, Ricerca scientifica | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento